Regioni a statuto ordinario: contributi dovuti all’ARAN per l’anno 2018

Le somme da porre a carico delle regioni a statuto ordinario a titolo di contributo dovuto all'ARAN per l'anno 2018 (art. 46, comma 8, lett. a), D.Lg

La Corte dei conti, Sezione delle Autonomie, conferma l’interpretazione sulla natura e sui limiti dell’istituto dell’incentivo per funzioni tecniche
Le decisioni di settembre della Corte dei Conti (I parte)
Fondo sviluppo e coesione 2014-2020: assegnate le risorse a Regioni e città metropolitane

Le somme da porre a carico delle regioni a statuto ordinario a titolo di contributo dovuto all’ARAN per l’anno 2018 (art. 46, comma 8, lett. a), D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165), sono quelle evidenziate nella tabella allegata al decreto in commento (Allegato).

I contributi devono essere iscritti dalle regioni in specifici capitoli di spesa dei rispettivi bilanci per essere versati, entro il 28 febbraio 2018, alla contabilità speciale intestata all’ARAN sul conto n. 149726, istituito presso la Sezione di tesoreria provinciale dello Stato di Roma dandone contestuale comunicazione all’ARAN. In caso di omesso versamento da parte delle regioni entro il suddetto termine del 28 febbraio 2018, il Ministero dell’economia e delle finanze, su segnalazione dell’ARAN, viene autorizzato a trattenere alle regioni l’importo dovuto a valere sulle erogazioni ad esse spettanti in corso d’anno ed a versarlo direttamente all’ARAN mediante accreditamento sulla predetta contabilità speciale n. 149726 dandogliene contestuale comunicazione.

Portale Pubblica Amministrazione